Warning: array_shift() expects parameter 1 to be array, boolean given in /web/htdocs/www.claudiocalia.it/home/config/ecran_securite.php on line 283 Media Activism - Strategie e pratiche della comunicazione indipendente - Claudio Calia ...fa fumetti e siti internet.
 
 
Home > scritti > per restare > Media Activism - Strategie e pratiche della comunicazione indipendente
3 gennaio 2004

Media Activism - Strategie e pratiche della comunicazione indipendente

AA. VV., a cura di M. Pasquinelli, DeriveApprodi, 2002

E’ passato molto tempo da quando ho scritto questo pezzo. Tanto che neanche io in verità me lo trovo più oltre che sul libro stampato. Dei volenterosi ne hanno pubblicato un riassunto (!!!) qui, che riporto minimamente editato.

«Media Activism è un libro operativo, una scatola degli attrezzi, un manuale e una cartografia dell’attivismo mediatico degli anni a venire»

Sherwood Comunicazione
Dalla comunità al mainstream, e ritorno
Claudio Calia

Descrizione breve: La nostra comunicazione funziona come un virus: quando narriamo pratiche, nuovi miti, cerchiamo di costringere i media mainstream a rimandare il nostro messaggio.

Dati bibliografici: Pasquinelli Matteo, “Media activism”, Derive e Approdi, Roma 2002, pag. 205-208
Sito web: http://www.sherwood.it

Classe tematica: hacktivism
Argomenti secondari: media e comunicazione informazione tecnologie
Tipologia: Libro


Sherwood comunicazione, la nostra piattaforma comunicativa che coinvolge la radio e il web copre una serie di contenuti diversi tra loro: dall’intrattenimento alla politica, intesa come sviluppo di pratiche che possano espandersi dal globale al locale.(…)
La nostra comunicazione funziona come un virus: quando narriamo pratiche, nuovi miti, cerchiamo di costringere i media mainstream a rimandare il nostro messaggio e ad attirare verso di noi nuovi potenziali ribelli che ci incrociano, diffondiamo disobbedienze attraverso le informazioni.(…)
A prescindere dall’utile contributo degli altri media, una delle condizioni fondamentali per esistere nel web è sfruttare appieno le tecnologie multimediali e i contenuti che si hanno a disposizione.(…)
I nostri ascoltatori si conoscono attraverso forum o la chat si danno appuntamenti, magari allo sherwood festival durante l’estate o in un centro sociale l’inverno. Fanno società tra loro si attraversano e così facendo costruiscono, in cammino, l’altro mondo possibile che è il fine del nostro fare comunicazione.(…)

- Scheda del libro sul sito DeriveApprodi